Il blog del mulo

Across the universe (Julie Taymor, 2007)

Regia di Julie Taymor. Con Jim Sturgess, Evan Rachel Wood, Joe Anderson, Dana Fuchs, Martin Luther, Salma Hayek, T.V. Carpio, Spencer Liff, Lisa Hogg, Nicholas Lumley, Michael Ryan (V), Angela Mounsey, Erin Elliott, Robert Clohessy, Christopher Tierney, Curtis Holbrook, Eddie Izzard

Genere Commedia – USA, 2007, durata 131 minuti

Un film visionario e psichedelico raccontato dai Beatles, i cui testi acquisiscono una nuova linfa, con uno sguardo al passato e uno al presente

Liverpool, anni ’60. Jude (Jim Sturgess) decide di lasciare l’Inghilterra per recarsi in America alla ricerca del padre emigrato anni prima verso gli Stati Uniti. Lì conoscerà nuove persone, si innamorerà, e si scontrerà con la realtà della guerra in Vietnam, dei movimenti pacifisti, dei Watts Riots, del mondo della musica. Con le note e i testi dei Beatles (in versione rivista e corretta dai protagonisti) a ispirare la sua storia.
Julie Taymor ha diretto diversi musical a Broadway, e anche alcune rappresentazioni operistiche, oltre naturalmente al cinema (Frida, Titus). Avendo sempre avuto a che fare con l’arte e con la musica, la sua interpretazione in chiave musical dei Beatles, come ispiratori con le loro canzoni della storia di un giovane negli anni’60, è visionaria, psichedelica, ironica, con uno sguardo a quel periodo che in parte ha cambiato la storia.
Per realizzare questo film si è quindi avvalsa di famosi performer (Bono e Joe Cocker), di ottimi comprimari fra cui il protagonista, Jim Sturgess, che sorprende nelle sue interpretazioni di “Revolution” e “All my loving”, e dell’apporto fondamentale del compositore Elliott Goldenthal che ha avuto l’onere e l’onore di riarrangiare i pezzi del quartetto di Liverpool.
Across the universe, che alcuni avvicinano a Moulin Rouge di Baz Luhrman, è un insieme di quadri musicali, ognuno con una sua personalità, che in parte descrivono le vicende (la sequenza di “Strawberry fields forever” è intensa e appassionante), e in parte ne rappresentano le atmosfere, con l’utilizzo di effetti di saturazione di colore, del green screen, e di coreografie tipiche del musical.
Il film di Julie Taymor non è comunque un film sui Beatles, bensì raccontato dai Beatles, i cui testi si rinnovano e acquisiscono nuova linfa, con uno sguardo al passato. E uno al presente.

Recensione di Mattia Nicoletti: https://www.mymovies.it/film/2007/acrosstheuniverse/

One reply to “Across the universe (Julie Taymor, 2007)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star