Il blog del mulo

Disturbia (D.J. Caruso, 2007)

Regia di D.J. Caruso. Con Shia LaBeouf, David Morse, Sarah Roemer, Carrie-Anne Moss, Viola Davis, Aaron Yoo

Genere Thriller – USA, 2007, durata 104 minuti

Perfetto manifesto del thriller dei nostri tempi, prevedibile ma efficace e hitchockiano

Perso il padre in un incidente stradale a causa sua, Kale vive nell’incubo della colpa. Svogliato negli studi ed estremamente irascibile, quando viene provocato da un insegnante lo colpisce al volto e viene condannato a tre mesi di arresti domiciliari. A casa, però, non c’è molto da fare, se non osservare il mondo esterno dalla finestra della sua camera. Là fuori tutto si muove, tutto accade, e le persone, nel loro quotidiano, sembrano fare cose interessanti mai notate fino a ora. C’è la bella Ashley, appena trasferitasi dalla città con la famiglia, ma anche l’inquietante vicino, il signor Turner, che sembra nascondere dei segreti. Come la sparizione di una donna.
Può un film studiato a tavolino come un prodotto di marketing essere considerato un buon film? La risposta è sì. Gli ingredienti di questo thriller sono semplici ed efficaci. Prima di tutto il voyeurismo, fondamento di vita e di cinema (La finestra sul cortile docet) guidato dall’insaziabile curiosità insita nell’animo umano; l’immancabile presenza di un serial killer, che è l’attuale marchio di fabbrica del genere, interpretato da un ottimo David Morse (memorabile la sua partecipazione alla serie tv Dr.House); un cast di teen-ager che rappresenta la grossa fetta di pubblico che oggi va al cinema, guidato da Shia LaBoeuf, ormai diventato un idolo delle folle giovanili; l’utilizzo della tecnologia, dai cellulari, ai pc, alle videocamere, che attualizza il binocolo (che comunque viene utilizzato), occhio analogico, in quello digitale-binario.
Messi insieme e centrifugati, questi elementi, creano un film prevedibile nel suo incedere, che segue pedissequamente il modello hitchcockiano, ma che è, allo stesso tempo, un manifesto perfetto del thriller per le masse dei nostri giorni.
Disturbia, quindi, non aggiunge niente di nuovo al genere, intrattiene senza sorprendere, coinvolge quando deve coinvolgere. In modo scolasticamente ineccepibile. Tanto più se poi il maestro è Hitchcock

Recensione di Mattia Nicoletti: https://www.mymovies.it/film/2007/disturbia/

 

One reply to “Disturbia (D.J. Caruso, 2007)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star