Edmond (Stuart Gordon, 2005)

Regia di Stuart Gordon. Con William H. Macy, Julia Stiles, Joe Mantegna, Rebecca Pidgeon, Bai Ling, Russell Hornsby

Genere Thriller, – USA, 2005, durata 82 minuti

Grottesco noir metropolitano “Tutto in una notte”

Edmond, una vecchia piece teatrale di David Mamet, è l’inquietante script “tutto in una notte” che sorregge questo grottesco film diretto da Stuart Gordon, amico di vecchia data del drammaturgo, e autore del cult gore anni ’80 Re-animator. La storia è quella di una sanguinosa discesa negli inferi dell’orrore mentale che nasce da una semplice constatazione: «Ogni paura nasconde in realtà un desiderio».
Questa è l’idea che guida la parabola morale di Mamet, autore da sempre affezionato al noir e alla notte, territorio misterioso nel quale vengono proiettati incubi, frustrazioni e desideri repressi.
Il protagonista del film, Edmond, è un insignificante impiegato di mezza età che una sera, dopo aver lasciato la moglie, abbandona la sua scialba e abitudinaria esistenza per immergersi nella pericolosa notte metropolitana. Ma i tarocchi letti da un’indovina prevedono solo sventure, e così sarà.
Comprato un coltello risalente alla prima guerra mondiale, l’uomo darà sfogo in ogni modo, con cameriere e prostitute incontrate lungo la via, ai suoi istinti repressi e al razzismo a lungo taciuto, concludendo il suo viaggio notturno nel letto di un carcere, accanto a un energumeno afroamericano che lo ha appena sodomizzato.
Una sorta di viaggio iniziatico verso l’ironica ed esorcizzante scoperta di un’omosessualità fino ad allora repressa perché temuta, e quindi – secondo Mamet – desiderata.
Brillantemente interpretato da William H. Macy, represso per eccellenza del cinema d’autore americano (Boogie Nights, Magnolia, Fargo), qui affiancato da una galleria di attori mametiani (che va da Joe Mantegna a Denise Richards, fino ad arrivare alla moglie del drammaturgo Rebecca Pidgeon), Edmond è un grottesco noir metropolitano che, come l’inquietante notte Fuori orario di Scorsese, trova la sua forza in una struttura vertiginosa e incalzante che non lascia tregua dall’inizio alla fine.
Un film angosciante e mostruoso, che ha il merito di svelare, senza moralismi e con una buona dose di feroce ironia, come l’odio e il razzismo siano le malattie civili del nostro secolo

Recensione di Chiara Renda: https://www.mymovies.it/film/2005/edmond/

2 replies to “Edmond (Stuart Gordon, 2005)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star