Il blog del mulo

Il meglio deve ancora venire (Alexandre de La Patellière, Matthieu Delaporte, 2019)

Regia di Alexandre de La Patellière, Matthieu Delaporte. Con Fabrice Luchini, Patrick Bruel, Zineb Triki, Pascale Arbillot, Marie Narbonne, Jean-Marie Winling, André Marcon, Thierry Godard, Martina García

Titolo originale: Le Meilleur Reste À Venir. Genere Commedia, – Francia, 2019, durata 117 minuti

Un bromance che diverte col gioco degli equivoci ma si perde nel momento più delicato, sulla soglia del dolore

Arthur e César sono amici da quando entrambi frequentavano controvoglia lo stesso severissimo collegio. Ma non potrebbero essere più diversi: Arthur è un ricercatore medico puntiglioso e ossessionato dal rispetto delle regole; César è un guascone imprudente e trasgressivo che è appena stato sfrattato da casa sua in seguito alla propria bancarotta. E se Arthur, divorziato con figlia, sta ancora aspettando pazientemente che l’ex moglie torni a casa, César colleziona avventure senza legarsi a nessuna. Per un equivoco, Arthur viene a conoscenza della gravissima condizione medica di César, e César si convince che sia Arthur a trovarsi in punto di morte. Da quel momento i due faranno a gara per realizzare i desideri finali l’uno dell’altro, anche quelli più lontani dal proprio gusto personale: il che ha il vantaggio di sbloccare lo stallo esistenziale in cui si trovavano entrambi.
Il meglio deve ancora venire è scritto e diretto dalla coppia creativa francese formata da Alexandre de La Patellière e Matthieu Delaporte, che avevano già scritto e diretto Cena tra amici (rigirato da Francesca Archibugi come Il nome del figlio) e sceneggiato Mamma o papà? (diventato in Italia il film omonimo diretto da Riccardo Milani).
Il genere prediletto di La Patellière e Delaporte è la commedia “alla francese” leggera ma con spunti di riflessione sul presente. E qui si cimentano con due temi importanti: l’amicizia maschile e la malattia.
Per la prima mezz’ora la storia fila che è una meraviglia, facendo leva sia sul contrasto fra i due protagonisti che sulla “strana coppia” di interpreti composta da Fabrice Luchini e Patrick Bruel. Le battute sono divertenti, il ritmo è scoppiettante, e il gioco degli equivoci è retto con mano salda. Dopo questo inizio promettente però il film perde la bussola e comincia a smarrirsi tra svolte improbabili e sbalzi tonali, fino a fare ciò che non andrebbe mai fatto, se si sceglie di affrontare un argomento sensibile come la morte: ovvero abbandonare la scena nel momento più difficile – il che, paradossalmente, è proprio il tema dichiarato della storia.

Recensione di Paola Casella: https://www.mymovies.it/film/2019/il-meglio-deve-ancora-venire/

One reply to “Il meglio deve ancora venire (Alexandre de La Patellière, Matthieu Delaporte, 2019)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star