Il blog del mulo

IL NASCONDIGLIO (Pupi Avati, 2007)

Un film di Pupi Avati con Laura MoranteRita TushinghamBurt YoungTreat WilliamsYvonne Sciò, Peter Soderberg, Giovanni Lombardo Radice Genere Thriller – ItaliaUSA2007durata 100 minuti. Uscita cinema venerdì 16 novembre 2007 distribuito da 01 Distribution.

Dopo una malattia mentale, che l’ha costretta quindici anni in una clinica psichiatrica, una donna di origine italiana recupera la lucidità e la voglia di ricominciare a Davenport, una cittadina tranquilla nello Stato dello Iowa. Decisa ad avviare un ristorante italiano, affitta il piano terra di Snakes Hall, tetro e cupo edificio in cima a un colle. Costruita all’inizio del Novecento da un imprenditore farmaceutico e successivamente trasformata in un gerotrofio, Snakes Hall sembra nascondere dietro le pareti un terribile segreto. La donna, svegliata ogni notte da una voce querula, decide di indagare. Scoprirà molto presto che la casa è stata teatro di crudeli trapassi.
Il temario avatiano delle produzioni recenti ci aveva abituati a rievocazioni generazionalmente autobiografiche e nostalgiche (Il cuore altroveLa seconda notte di nozze), a vivaci e sottili quadri di conflittualità familiare (La cena per farli conoscereMa quando arrivano le ragazze) o ancora a sagaci sguardi sociologici sul presente (La rivincita di Natale).
Girando Il nascondiglio, Pupi Avati torna a compiere un’incursione nel genere praticato all’inizio della carriera con Balsamus, l’uomo di Satana e Thomas, esordi che avevano sorpreso il cinema italiano e la critica degli anni ’60 con storie, ambientazioni e modalità narrative inedite. Erano gli anni folli dell’horror e della sperimentazione a tutto campo, dove la Avati Factory (Antonio e Pupi) affinava il proprio metodo di lavoro, culminante nel riconoscimento internazionale attribuito a La casa dalle finestre che ridono. Lontano dalla piattezza della pianura padana e dal profilo alto dell’Appennino tosco-emiliano, Avati cerca (e non è certo la prima volta) nel Midwest americano la dimora “ideale” per la sua protagonista e per il suo racconto straordinario. Davenport è una cittadina tranquilla e solare dell’Iwoa che diventa improvvisamente scenario di orribili delitti e perversioni, un luogo ideale da alterare e allucinare. Come il giovane seminarista dell’Arcano incantatore, il personaggio interpretato da Laura Morante si “confina” nell’isolamento di una casa in collina per sfuggire a un passato traumatico. L’intento dell’autore è quello di spaventare il pubblico che accompagna la ricerca della Morante alla Snakes Hall, percorrendo scale e corridoi dell’edificio con la pila che muove un fascio luminoso sulle linee e le forme del décor di un ambiente ricostruito a Cinecittà. Dentro una casa che contiene, nasconde e “genera” personaggi, si muove a occhi aperti la macchina da presa di Avati, determinando uno spazio fisico e mentale unitario, delimitando lo stato d’animo e il sentimento della sua protagonista, facendo esplodere l’isteria e l’abituale maschera della Morante.
Il nascondiglio è un film girato, montato e recitato “dal vivo”, aperto a ogni intrusione dell’inatteso (Avati ha fatto girare due diversi finali alla Morante), senza rinunciare mai al rigore formale e senza abbandonarsi all’indifferenza a cui molto spesso conduce il mestiere. La grande casa “di campagna” di Avati non ospita atmosfere festose, esplosioni di gioia, di sessualità e tenerezza (Storia di ragazzi e di ragazze), l’energia narrativa questa volta si esprime con voce orrorifica e si libera nel pianto, nel sangue e nel rancore. Siete avvertiti!

commento visibile qui:

https://www.mymovies.it/film/2007/ilnascondiglio/

tres, che anche oggi vi ricorda di stare attenti alle truffe su Ebay!

One reply to “IL NASCONDIGLIO (Pupi Avati, 2007)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star