Il blog del mulo

La bella mugnaia (Mario Camerini, 1955)

Regia di Mario Camerini. Con Sophia Loren, Marcello Mastroianni, Vittorio De Sica, Yvonne Sanson, Paolo Stoppa, Mario Passante, Carlo Sposìto, Virgilio Riento, Silvio Bagolini, Elsa Vazzoler, Michele Ricciardini, Amalia Pellegrini, Emilio Petacci, Angela Lavagna, Vittorio Braschi, Nino Marchesini, Carlo Pisacane, Giancarlo Cobelli, Pietro Tordi, Maria Grazia Monaci, Berto Monaci, Grazia Giannelli, Felice Minotti, Gianni Luda

Commedia, durata 91 min. – Italia 1955

Nel 1680 la Campania è sottoposta alla dominazione spagnola, che l’esoso regime fiscale rende particolarmente oppressiva. In mezzo ad una popolazione bersagliata da imposte e tasse, Luca, modesto mugnaio, ha il vantaggio di essere libero da ogni imposizione, godendo ogni sorta di privilegi. Il merito di questa situazione è tutto della moglie Carmela, bella popolana che, corteggiata da tutti i notabili, e particolarmente dal governatore, ha l’abilità di tenerli tutti a bada, illudendoli con sorrisi e mezze concessioni. Luca, da parte sua, sta al gioco e approfitta come meglio può della situazione. Un giorno, alla festa del villaggio, Carmela si diverte a dondolarsi sull’altalena, mentre la gente si diverte a contemplare malignamente le sue gonne svolazzanti. Un gruppo di soldati spagnoli si avvicina e si gode questo spettacolo. Scoppia intanto sulla piazza una rissa tra gabellieri e mercanti e la mischia diventa ben presto generale. Luca, irritato per il contegno dei soldati verso sua moglie, approfitta della confusione per picchiare il sergente spagnolo e alla fine viene arrestato insieme ad altri. Dopo un po’, gli altri arrestati vengono liberati, mentre Luca è lasciato in prigione. Il governatore vuole approfittare della circostanza per ottenere da Carmela quei favori che gli ha sempre negato; ma mentre di notte tenta di entrare nel mulino, cade in acqua. Carmela lo fa mettere a letto; e mentre finge di volersi piegare alle sue voglie, fugge dopo avergli sottratto l’ordine di scarcerazione per Luca. Intanto Luca, fuggito dalla prigione, penetra nel mulino e trovati gli abiti del governatore, se ne riveste. Entrato nel palazzo del Governatore, giunge fino alle stanze della Governatrice, alla quale spiega le ragioni del suo travestimento. Così la Governatrice, prestandosi all’innocua commedia, può vendicarsi dell’infedeltà del marito. Alla fine tutto si chiarisce: Carmela può provare la sua onestà e il Governatore approfitta della lezione per divenire un buon marito ed un amministratore più comprensivo.

Recensione: https://www.comingsoon.it/film/la-bella-mugnaia/20973/scheda/

2 replies to “La bella mugnaia (Mario Camerini, 1955)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star