Il blog del mulo

Le avventure di un uomo invisibile (John Carpenter)

Un film di John Carpenter. Con Chevy ChaseSam NeillDaryl HannahMichael McKeanStephen Tobolowsky

Titolo originale Memoirs of an Invisible ManCommediadurata 100 min. – USA 1992

Nick Halloway, analista di borsa, partecipa ad un simposio della Magnoscopic, società elettronica nella quale si svolgono esperimenti su commissione governativa, e accidentalmente provoca un colossale corto circuito scatenando sull’edificio un’ondata di energia. La Magnoscopic diventa parzialmente invisibile e così anche Nick. La zona è immediatamente circondata dagli agenti della CIA guidati dall’equivoco Jenkins che pensa subito di sfruttare per proprio tornaconto il segreto della invisibilità. Nick riesce a sfuggire a Jenkins ma da quel momento è fatto oggetto di una caccia spietata. Oltre a preoccuparsi di salvare la pelle, l’uomo, adesso invisibile, deve anche affrontare il rischio di perdere Alice Monroe, giovane regista di documentari, che ha conosciuto la sera prima e della quale si è innamorato. “… era già invisibile prima di essere invisibile” dice a un certo punto Jenkins a proposito di Nick. E in questa considerazione è forse racchiuso il senso del film. Il protagonista è un tipico yuppie, dinamico, instancabile nel lavoro, desideroso di successo e di soldi, ma profondamente solo, privo di vere amicizie e di una vita privata. Un individuo anonimo – specchio di una larga fetta della società americana – che paradossalmente da invisibile acquista per la prima volta personalità e coscienza di sé. Come sempre, Carpenter non rinuncia ad una critica dei costumi americani e se qui la denuncia è smorzata dai toni leggeri della commedia non è tuttavia meno puntuale. In tutto il film i protagonisti si muovono tra i simulacri della realtà tecnologica: video, computer, strumenti vari di comunicazione costituiscono l’onnipresente potere spersonalizzante che entra nell’intimità dell’individuo. Lo stesso protagonista, nelle sequenze iniziali, affida ad una registrazione il racconto della sua incredibile esperienza. Carpenter colloca nella vicenda almeno tre piccoli riferimenti (se così si può dire) geografici al grande cinema: gli esterni a San Francisco e a Bodega Bay rimandano – naturalmente – ad Alfred Hitchcock (La donna che visse due volte e Gli uccelli) e Santa Mira, nella quale è immaginata la Magnoscopic, è la città dell’Invasione degli ultracorpi di Don Siegel. Poco a che fare ha invece la storia con l’Uomo invisibile di James Whale, anche se la scena in cui Nick in veste da camera (uguale nel disegno a quella indossata da Claude Rains) si toglie le bende dal volto di fronte ad Alice è un dichiarato omaggio al classico del 1933. A quanto si dice sarebbe stato Chevy Chase – convincente in un ruolo, una volta tanto, non solamente comico – a proporre a Carpenter l’idea di fare un film sul libro di H.F. Saint e Carpenter sarebbe entrato nel progetto dopo il rifiuto dei registi Ivan Reitman e Richard Donner.

commento visibile qui:

https://www.mymovies.it/dizionario/recensione.asp?id=2562

tres che vi regala questo film ottenuto con emule, ma vorrei precisare che si tratta dello stesso film presente nel blog di Ranmafan, solo di qualità inferiotr e consiglio a tutti di scaricarlo  da quì:

https://ranmafan-reup.blogspot.com/2020/08/avventure-di-un-uomo-invisibile.html?showComment=1598355019732#c1114323234331650342

One reply to “Le avventure di un uomo invisibile (John Carpenter)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star