Il blog del mulo

LE COSE CHE VERRANNO – L’AVENIR (Mia Hansen-Løve)

Un film di Mia Hansen-Løve con Isabelle HuppertAndré MarconRoman KolinkaEdith ScobSarah Lepicard Titolo originale: L’avenir. Genere Drammatico, – Francia2016durata 100 minuti. Uscita cinema giovedì 20 aprile 2017 distribuito da Satine Film. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13

Nathalie ha cinquantacinque anni, due figli, un marito e una madre fragile. Insegnante di filosofia, la sua vita si muove tra casa e scuola, principi filosofici e interrogativi morali. Affidabile, onesta e leale, Nathalie si prende cura della sua famiglia e di una madre anziana sfinita dalla vita. Il suo procedere spedito dentro le cose umane è interrotto dalla confessione improvvisa del consorte, che vuole lasciarla per un’altra, e dalla morte della madre, ricoverata a malincuore in una casa di riposo. Disorientata dal doppio abbandono e da una libertà ritrovata, Nathalie ripiega nel ‘rifugio’ di un ex allievo brillante e anarcoide. In quell’intervallo esistenziale e in compagnia di una gatta nera ereditata, ritrova il senso e il bandolo di sé.

A trentacinque anni e nello spazio di cinque film, Mia Hansen-Løve s’impone come uno dei talenti più luminosi del giovane cinema francese.

Portatrice sana di prodigiosa e secca eleganza, di economia narrativa e costruzione sentimentale di un eroe, di un’eroina o di un movimento artistico (Eden), l’autrice francese esplora con L’avenir i suoi temi prediletti: il tempo (che passa), l’abbandono e la riaffermazione di sé. Ma c’è una novità. Mia Hansen-Løve si allontana dalle rive della giovinezza per avventurarsi nella stagione della maturità con una protagonista che voleva essere amata per sempre e invece. E invece Heinz la lascia dopo venticinque anni di matrimonio e Nathalie si deve reinventare dentro la vita e la fluidità di un racconto prosciugato da deviazioni, diversivi e comprimari. Perché il cinema di Mia Hansen-Løve elude i passaggi ridondanti a favore dei preludi e delle conclusioni. All’accennata drammatizzazione degli eventi fa eco l’interpretazione degli attori, che non è mai una performance ma una traversata su un filo teso sopra l’abisso in cui sembrano precipitare ma da cui si risollevano sempre. Le emozioni passano allora per questa vertigine, per questo vuoto riempito di dubbi e debolezze che donano ai suoi personaggi la volontà, una determinazione che non necessità di alcun eccesso, alcun artificio psicologico o di scrittura.

commento di Marzia Gendolfi visibile quì:

https://www.mymovies.it/film/2016/lavenir/

tres, ho visto questo film ieri sera e mi è piaciuto spero anche a voi!

 

One reply to “LE COSE CHE VERRANNO – L’AVENIR (Mia Hansen-Løve)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star