Il blog del mulo

Le rose del deserto (Mario Monicelli)

Un film di Mario Monicelli con Michele PlacidoGiorgio PasottiAlessandro HaberFulvio FalzaranoMoran Atias

Drammaticodurata 102 min. – Italia 2006. – Mikado Film uscita venerdì 1 dicembre 2006

E’l’estate del 1940. Le truppe italiane sono in Libia. Il terzo reparto della sezione sanità si accampa in un’oasi sperduta del deserto libico: la convinzione di tutti è che il soggiorno sarà breve, brevissimo. C’è anche un frate fra i soldati: un uomo che aiuta la popolazione locale a sopravvivere sia alla vita difficile che alla guerra. Per tutti il soggiorno in Libia appare più come una missione umanitaria che una guerra. In poco tempo però il conflitto bellico si avvicina in modo impressionante e il campo viene preso d’assalto tanto da soldati in fuga che da feriti. E la guerra prende davvero il sopravvento.
Mario Monicelli, classe 1915, maestro indiscusso del cinema italiano e internazionale, prodigiosa firma di tanti capolavori, è arrivato, in età davvero ammirevole, a firmare la sua sessantacinquesima regia. E ci parla ancora della guerra, come aveva così magistralmente fatto in La grande guerra. Purtroppo l’esito artistico è ben lontano dalla suddetta pellicola. Liberamente tratto da “Il deserto della Libia” di Mario Tobino e dal brano “Il soldato Sanna” in “Guerra di Albania” di Giancarlo Fusco, il film appare non riuscito, come un’opera a metà di un regista stanco: un’amalgama di concetti mal incastrati tra loro, in alcuni casi appena sfiorati e mai approfonditi, gettati in un mare magnum in cui inesorabilmente si perdono.
E i pochi momenti belli del film sono davvero da ritrovare solo ed esclusivamente nel grande talento del regista che comunque, anche in prove poco convincenti come questa, ha sempre degli sprazzi di grande poesia, ironia e suggestivo immaginario visivo. Perché il tocco di Monicelli c’è e si vede: il racconto della tragedia attraverso la commedia; l’arte della leggerezza e dell’umorismo usati quali veicoli per narrare tragedie altrimenti insopportabili. Rimane in fondo, sempre e comunque, l’ammirazione per un più che novantenne signore che ci ha raccontato nell’arco della sua lunga e prolifica carriera più di cinquant’anni di storia e di società italiana.

commento di Letizia della Luna visibile quì:

https://www.mymovies.it/dizionario/recensione.asp?id=44656

tres, che in questa calda estate vi regala questo film ottenuto con Emule

One reply to “Le rose del deserto (Mario Monicelli)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star