Il blog del mulo

L’uomo dagli occhi a raggi X (Roger Corman, 1963)

Regia di Roger Corman. Con Carol Irey, Kathryn Hart, John Hoyt, Vicky Lee, Dick Miller, Ray Milland, Barboura Morris, Don Rickles, John Dierkes, Harold J. Stone, Lorrie Summers, Diana Van Der Vlis

Titolo originale X – The Man with X-Ray Eyes. Horror, b/n durata 80 min. – USA 1963

Gli esperimenti del dottor Xavier conducono alla scoperta di un siero che permette alla vista di attraversare qualsiasi ostacolo. Lo scienziato lo sperimenta su se stesso, con effetti superiori alle aspettative. L’entusiasmo è tale che Xavier non ascolta i prudenti consigli degli amici e quando un collega tenta di fermarlo, lo uccide in un impeto d’ira. Braccato dalla polizia, l’uomo si rifugia in un luna park dove si adatta a fare il veggente e il guaritore. Ben presto, però, Xavier si rende conto che il potenziamento della vista è un processo irreversibile, e per sopportare la luce del sole è costretto ad inforcare un paio di particolarissimi occhiali scuri rinforzati con piombo. Indotto a procurarsi denaro, Xavier sbanca i casinò di Las Vegas, ma poiché la sua fortuna insospettisce i gestori dei locali, fugge precipitosamente perdendo gli specialissimi occhiali. Xavier è ora privo di qualsiasi protezione. Ai suoi occhi si presenta il mondo in una dimensione incredibile e terrificante, tale da fargli perdere l’uso della ragione. Sconvolto, in fuga nel deserto, l’uomo giunge per caso presso una congrega religiosa dove sente pronunciare una sentenza della Bibbia che invita ad estirpare l’occhio se l’occhio è all’origine del male… Parabola mistico-religiosa, viaggio interiore di uno scienziato alla scoperta di una disperata verità, il film è sorretto da una buona sceneggiatura, impreziosito dalla fotografia di Floyd Crosby (già collaboratore di Murnau e di Flaherty) e dalla bella interpretazione di Ray Milland. Primo film a colori di Corman (qui nelle vesti di regista e produttore) girato in Spectarama. Gran parte degli effetti ottici sono artigianali ma abili trucchi di montaggio (ad esempio la proiezione rovesciata di alcune fasi della costruzione di un edificio) rendono allo spettatore le allucinate visioni del protagonista.

Recensione: https://www.mymovies.it/dizionario/recensione.asp?id=26609

One reply to “L’uomo dagli occhi a raggi X (Roger Corman, 1963)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star