Il blog del mulo

MATILDA 6 MITICA ( Danny DeVito)

Un film di Danny DeVito con Mara WilsonDanny DeVitoRhea PerlmanEmbeth DavidtzPam FerrisPaul ReubensCast completo Titolo originale: Matilda. Genere Commedia – USA1996

Tratto dal romanzo Matilde di R. Dahl, Matilda 6 mitica è un film sul rapporto tra infanzia ed età adulta. Nel film, tutto diventa negativo se passa attraverso il filtro del mondo degli adulti, segnato da violenza, volgarità, prepotenza, dall’apparire, dall’avere, da mente e sguardo passivi. L’età adulta può divenire positiva solo se l’adulto conserva in sé l’animo dell’infanzia e si pone sullo stesso piano dei bambini per comunicare e formare (è il caso di Miss Honey). Nel film, tutto diventa positivo se passa attraverso il filtro del mondo dei bambini, segnato da creatività, voglia di libertà, desiderio di sapere, dall’essere, da mente e sguardo attivi (lo sguardo di Matilda, al contrario di quello passivo dei Wormwood, è creatore, muove e fa accadere le cose, è uno sguardo che agisce). L’infanzia può divenire negativa solo se il fanciullo si fa plasmare dagli adulti, perdendo la propria identità autenticamente bambina (è il caso del fratello di Matilda). Il percorso di formazione della protagonista la conduce dall’accettazione passiva del potere adulto, all’acquisizione dell’autonomia: Matilda segue la propria vocazione contro il volere dei genitori e nel finale arriva a scegliere la propria madre e la propria famiglia. Compie tale percorso usando le sue doti, l’intelligenza, e le facoltà paranormali che le consentono di far esplodere il televisore di casa (critica alla teledipendenza), di ribellarsi alla preside attaccandola con oggetti scolastici (critica alla cattiva educazione). Matilda attraversa il processo di individuazione vivendo l’oscillazione – tipica di ogni percorso di formazione – tra la diversità come risorsa e la normalità come bisogno. Pur essendo una bambina speciale e sostenendo il diritto di esserlo, prova l’esigenza di avere la sua parte di normalità, di vivere come gli altri bambini. La stessa diversità è positiva se passa attraverso il filtro creativo dell’infanzia, e negativa se passa attraverso il filtro distruttivo dell’età adulta: Agata Trinciabue è una donna “diversa”, più grossa e più forte del normale, ma la sua diversità si riversa sulla forza fisica come strumento di violenza. L’elemento principale della formazione di Matilda è la lettura, il desiderio della narrazione come investimento amoroso. La lettura dona a Matilda uno stimolo creativo, le reca un messaggio di speranza, le fa capire che non è sola al mondo. La narrazione offre all’esperienza umana uno strumento formativo di comprensione e individuazione, agevola la ricognizione del significato da dare alla vita, esalta il valore cognitivo dell’immaginazione, aiuta a superare le aporie della realtà. Il rapporto di Matilda con la narrazione richiama le idee di B. Bettelheim sul rapporto tra fiaba e infanzia. Secondo Bettelheim, le fiabe offrono al bambino esempi di soluzioni alle difficoltà, immagini con cui egli può dare una direzione migliore alla sua vita, lo liberano da frustrazioni e paure, gli consentono di ordinare le proprie emozioni e di esprimere simbolicamente le proprie tendenze ostili in modo non distruttivo, così da evitare di scontrarsi con il senso di colpa che accompagna tali tendenze. Si pensi all’ambivalenza verso gli adulti – rappresentati di solito nelle fiabe come giganti sconfitti dall’eroe-bambino – o verso la madre – che porta allo sdoppiamento della figura materna, alle figure della madre buona e della madre cattiva. Il principale messaggio comunicato dalle fiabe è che nella vita la lotta è inevitabile e solo chi non si ritrae intimorito ma affronta con coraggio le avversità può superare gli ostacoli e riuscire vittorioso, raggiungere la propria autentica individualità. Grazie al processo di identificazione, il bambino immagina di affrontare prove e tribolazioni insieme all’eroe, e trionfa con lui quando si ottiene la vittoria finale della virtù: le lotte dell’eroe infondono nel bambino il senso dell’etica. Ha scritto F. Cambi: «Sia nelle società orali sia in quelle caratterizzate dalla scrittura, la fiaba agisce come potente mezzo educativo: evoca paradigmi di crescita, itinerari di prove, pratiche di iniziazione, figure simboliche, e pertanto parla di formazione e agisce sulla formazione, partendo dall’immaginario, che predispone all’esperienza e già la prepara e la fa accogliere in tutta la sua varietà/complessità, anche nei suoi aspetti di durezza e crudeltà».

commento di Francesco Rufo visibile qui:
https://www.mymovies.it/film/1996/matilda-6-mitica/
tres, che vi propone qust’altro film e fa presente a tutti gli amici di questo blog che sarò assente dal 30 Gennaio al 10 Febbraio!

One reply to “MATILDA 6 MITICA ( Danny DeVito)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star