Respiro (Emanuele Crialese, 2002)

Regia di Emanuele Crialese. Con Valeria Golino, Vincenzo Amato, Francesco Casisa, Veronica D’Agostino, Elio Germano

Genere Drammatico – Italia, 2002, durata 100 minuti

Un’opera sfuggente, strana e difficile come la storia che racconta

Il secondo film del regista Emanuele Crialese è un’opera strana e difficile, come la storia che racconta. Grazia (Valeria Golino) è la moglie di uno dei tanti pescatori di Lampedusa, ma non si è mai adattata alla piccola, monotona vita dell’isola: fa il bagno nuda, canta a squarciagola le canzoni di Patty Pravo, e spesso si chiude nei suoi silenzi che solo uno dei figli, Pasquale, si sforza di capire. Gli “altri”, quelli normali, vorrebbero convincere il marito a farla vedere da uno psichiatra, ma lei preferirebbe morire. La storia è quasi inesistente, fatta più che altro di singole inquadrature che tendono a “fotografare” l’opprimente realtà dell’isola. Valeria Golino presta alla protagonista l’infinita tristezza del suo sguardo perennemente altrove.

Recensione di Nelly Baiamonte: https://www.mymovies.it/film/2002/respiro/

 

One reply to “Respiro (Emanuele Crialese, 2002)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star