The Lost King (Stephen Frears, 2022)

Regia di Stephen Frears. Con Steve Coogan, Sally Hawkins, Harry Lloyd, James Fleet, Sinead MacInnes

Genere Drammatico – Gran Bretagna, 2022, durata 108 minuti

La storia di una donna che trasforma la propria inquietudine in impresa, la debolezza in eccezionalità

Una sera di pioggia, Philippa Langley, madre separata di due ragazzi preadolescenti e onesta lavoratrice, perennemente scavalcata da colleghe più giovani e sorridenti, accompagna uno dei figli ad una rappresentazione del “Riccardo III” di Shakespeare. La performance dell’attore è convincente, ma c’è qualcosa di più. Il personaggio di Riccardo “parla” a Philippa. Come lei, è stato trattato ingiustamente dalla vita; considerato a torto un usurpatore e accusato, senza alcuna evidenza storica, di aver ucciso i propri nipoti. Come lei, è in qualche modo “perso”, vittima di pregiudizio, in attesa di un riconoscimento che meriterebbe ma che nessuno si preoccupa di dargli. Philippa sente che deve rendergli giustizia. Da storica amatoriale, risponde a questa strana chiamata e si mette alla ricerca delle spoglie mai rinvenute del leggendario sovrano, smuovendo fondi ingenti, convincendo chi inizialmente la derideva, lottando contro la propria malattia per far riemergere la verità.
Il trio creativo di Philomena, Stephen Frears, Jeff Pope e Steve Coogan, si riunisce per raccontare un’altra storia vera e un altro personaggio femminile che trasforma la propria inquietudine in impresa, la debolezza in eccezionalità.
Con la consueta ironia, Frears parte da questa premessa per tessere però un racconto più complesso, in cui le categorie si scardinano e si ribaltano: i separati fanno coppia, l’istituzione universitaria si rivela più usurpatrice di un pretendente al trono d’Inghilterra, il sacro si trova nel luogo del profano.
La centralità della storia è importante per Frears, ma questo non significa che il resto lo sia di meno. Muovendosi attraverso generi diversi, dietro e davanti la cinepresa, in cinquant’anni di lavoro, il regista inglese è pervenuto ad una classicità del suo cinema che è un’enorme conquista. Se storie di riscatto, determinazione, ossessione, come quella di Philippa, ne abbiamo viste parecchie, difficilmente gli elementi del quadro d’insieme risultano così tutti perfettamente a fuoco, così naturali eppure non scontati.

Recensione di Marianna Cappi:          https://www.mymovies.it/film/2022/the-lost-king/

One reply to “The Lost King (Stephen Frears, 2022)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star