Il blog del mulo

Tolkien (Dome Karukoski, 2019)

Regia di Dome Karukoski. Con Nicholas Hoult, Lily Collins, Colm Meaney, Anthony Boyle, Patrick Gibson, Tom Glynn-Carney, Craig Roberts, Derek Jacobi, Genevieve O’Reilly, Adam Darlington, Mimi Keene, Shafi Choudhury, Jared Stewart, David Puckridge, Pam Ferris, Laura Donnelly

Titolo originale Tolkien. Biografico, durata 112 min. – USA 2019

Un inquieto biopic di maniera consacrato agli anni della giovinezza e della formazione dell’autore

Orfano scampato alla Prima Guerra Mondiale, John Ronald Reuel Tolkien ripercorre in trincea la sua vita, ritorna sulla sua giovinezza, sugli anni degli studi, del primo amore e dei fedeli compagni di scuola. Risale il tempo fino alla stagione più bella, vissuta con immaginazione e interrotta bruscamente dalla guerra. La Grande Guerra che distruggerà la ‘comunità’ in cui si è forgiato come l’unico anello l’immaginario dei romanzi a venire. Professore a Oxford segnato dall’inferno della Somme nel 1916, J. R. R. Tolkien sposa Edith Bratt e la fascinazione per il folklore germanico (e scandinavo), scrivendo (tra gli altri) “Il Signore degli Anelli” e diventando lo scrittore più letto al mondo con 150 milioni di libri venduti.
Da dove nasce la passione di J.R.R. Tolkien per i miti nordici? E la sua idea per la Compagnia dell’Anello, quel gruppo di eroi impavidi partiti per distruggere il Male?
Il colpo di genio di questo (in)quieto biopic di maniera, consacrato agli anni della giovinezza dell’autore, consiste proprio nel mostrare, con l’aiuto di visioni soprannaturali, come gli avvenimenti della sua vita abbiano nutrito la sua opera. Impossibile rendere giustizia al ‘grande mago delle Terre di Mezzo’ in 112 minuti, con un budget modesto e un’ambizione per forza di cose ridotta. Il regista finlandese Dome Karukoski fa quello che può e ha almeno un merito: quello di lanciarsi con la passione incosciente di Merry e Pipino dentro un’impresa rischiosa. Il suo affetto sincero per l’opera di Tolkien evita al film di affondare offrendo qualche istante lirico che non avrebbe rinnegato nemmeno lo scrittore di “Lo Hobbit”.
Se le licenze artistiche sono tante (forse troppe) e forzano il rigore dei fatti, come la pazienza dei guardiani incorruttibili del tempio familiare, se le risorse di cui disponeva Karukoski non erano esattamente quelle a disposizione di Peter Jackson, che a suo modo aveva già superato la linea di confine, tuttavia il regista fa il suo lavoro e limita i danni affidando questo bizzarro oggetto cinematografico agli occhi blu di Nicholas Hoult (Skins, la serie britannica, A Single Man, X-Men – L’inizio, Mad Max: Fury Road). Sguardo turchese di una bellezza insondabile, l’attore se ne serve come di una maschera per tradire o celare la vera natura del personaggio che incarna.
Dovendo dare un volto al fondatore del fantasy moderno, padre di una mitologia prodigiosa concepita sulle poltrone di una tea-room di Oxford, lo spirito apparentemente mite di Hoult si è imposto. Sotto il tweed che lo avvolge e la compostezza richiesta dall’epoca si agita un mondo affollato di elfi e nani, di maghi e orchi.

Recensione di Marzia Gandolfi: https://www.mymovies.it/film/2019/tolkien/

2 replies to “Tolkien (Dome Karukoski, 2019)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star