Il blog del mulo

Tutti i soldi del mondo (Ridley Scott, 2018)

Un film di Ridley Scott con Michelle WilliamsChristopher PlummerMark WahlbergCharlie PlummerRomain Duris.Cast completo Titolo originale: All the Money in the World. Genere BiograficoDrammatico – USA2017durata 132 minuti. Uscita cinema giovedì 4gennaio 2018 distribuito da Lucky Red. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13

Luglio 1973. John Paul Getty III, nipote sedicenne del magnate del petrolio Jean Paul Getty, viene rapito a Roma da una banda di criminali calabresi che chiede alla famiglia un riscatto di 17 milioni di dollari. Gail, la madre del ragazzo, si rivolge a nonno Jean Paul, il quale rifiuta categoricamente di pagare. Da quel momento inizia una triangolazione fra Gail che insiste per portare in salvo suo figlio, il miliardario che non cede alle richieste dei rapitori, e un ex agente della CIA, Fletcher Chase, negoziatore esperto nel recuperare uomini e cose. Ridley Scott si ispira alla storia vera del rapimento di John Paul Getty III prendendosi enormi libertà narrative per spostare la narrazione dal realistico al metaforico e costruire un racconto morale per il Ventunesimo secolo che vede protagonisti non gli uomini, ridotti a pedine della Storia, ma il denaro, esplorando in particolare il rapporto fra il denaro e il sangue inteso come legame famigliare ma anche come linfa vitale di quell’umanità subordinata al (dis)valore del dollaro. Al centro di questa favola nera lugubremente ammonitrice c’è “l’uomo più ricco non solo del mondo, ma della Storia”, che è un avaro archetipale: l’Arpagone di Moliére, o lo Scrooge di Dickens. La vicenda dietro le quinte della lavorazione del film secondo la quale Christopher Plummer, prima scelta di Scott per il ruolo del “vecchio caprone”, è stato rimpiazzato da Kevin Spaceye poi recuperato dopo lo scandalo che ha coinvolto Spacey, ha qualche cosa di karmico, tantopiù che Plummer aveva appena magistralmente interpretato il ruolo di Scrooge in Dickens – L’uomo che inventò il Natale. L’attore ha agilmente travasato in Getty quella caratterizzazione, compresa la radice profonda dell’avarizia del miliardario, ovvero la percezione della propria vulnerabilità, prima di tutto fisica.
Come in Casinò e Rapina a mano armata, in Tutti i soldi del mondo conta solo passaggio febbrile del denaro fra gli uomini, perché il denaro deve continuamente muoversi sia in valigette chiuse che attraverso mercati finanziari che fra le dita veloci delle contabili della ‘ndrangheta. Un denaro che, per contro, cattura e immobilizza gli uomini, tenendo testa allo strapotere di chi ne possiede così tanto da non poterlo più contare. Ma Gail è una donna che non compra e non (si) vende, e preferisce barattare, con pragmatismo femminile, in nome di una devozione che Getty Senior non capisce ma in qualche modo rispetta.

commento visibile quì:

https://www.mymovies.it/film/2017/all-the-money-in-the-world/

tres, che con buona pace di Merlino, oggi vi chiede cosa ne pensate sulle criptovalute

quanto al film, come sempre è rippato dal mio DVD con il consueto software: DVDFAB11

6 replies to “Tutti i soldi del mondo (Ridley Scott, 2018)

  1. sn G R A Z I E
    ciao DOC

    crypto TRUFFE, intendi? sai quanto investi e nn sai quanto perdi, investimenti molto molto molto ballerini con tonfo finale, l importante è nn restare col cerino in mano e scottarsi.

    se poi le vuoi creare be devi avere pc/app potenti sukkia risorse
    insomma secondo me troppo avanti coi tempi manko le banke le vogliono

    ma torniamo alle cose importanti: il film è consigliato è da vedere o rivedere

    un saluto a tti
    va ti leggiamo sempre

  2. ciao Tres, visto che nessuno ti risponde mai, comincio io, che delle criptovalute non si fida proprio. buona serata e grazie per quanto fai

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star