Il blog del mulo

Un amore senza tempo (Lajos Koltai, 2008)

Regia di Lajos Koltai. Con Claire Danes, Toni Collette, Vanessa Redgrave, Patrick Wilson, Hugh Dancy, Natasha Richardson, Mamie Gummer, Eileen Atkins, Meryl Streep, Glenn Close, Ebon Moss-Bachrach, Chris Stack, Sarah Viccellio, Timothy Kiefer, David Call, Kara Doherty, Maxine Prescott, David Robson, Sheila Thomas, David Furr, Cheryl Lynn Bowers, Chuck Cooper, Barry Bostwick, Robert Walsh, Jon DeVries

Titolo originale: Evening. Genere Drammatico, – USA, 2007, durata 117 minuti

Una storia d’amore melodrammatica con un ottimo cast “all women”

Tratto dal pluripremiato romanzo di Susan Minot Un amore senza tempo, racconta la storia di Ann Grant Lee che, bloccata a letto da un tumore in fase terminale, ricorda gli episodi salienti della sua vita, a cominciare dall’incontro con l’amore più importante della sua vita, avvenuto in occasione del matrimonio della sua migliore amica, avvenuto molti prima su un’isolotto del Maine. Tra sogno, ricordi e realtà, la donna ne approfitta per fare un bilancio della sua vita…
Utilizzando una metafora calcistica, verrebbe da dire che anche una squadra piena di talenti, stelle e fuoriclasse, può incappare in una brutta sconfitta. Un amore senza tempo, che può annoverare uno dei più scintillanti cast “al femminile” degli ultimi anni, si rivela all’atto pratico un film poco ispirato e spesso insostenibilmente melodrammatico.
La storia si dipana su due piani temporali: quello passato, con la sempre apprezzabile Claire Danes alle prese con una travagliata storia d’amore, e quello presente, che racconta la onirica agonia di Vanessa Redgrave, devastata da un tumore: amori, matrimoni, famiglie in crisi, malattie, con tutti questi elementi presenti contemporaneamente, il rischio di scadere nel melodramma aumenta esponenzialmente. Koltai, purtroppo, ci casca in pieno: affidandosi troppo ai nomi in campo e poco alla sceneggiatura, piatta e poco originale, confeziona un film rigido, di scarso spessore emotivo, incapace di coinvolgere lo spettatore e privo di mordente. Nessuna delle attrici coinvolte dà il meglio di sé e se l’intento era quello di replicare classici “all women” come Fiori d’acciaio o Crimini del cuore, il risultato finale è davvero insoddisfacente.
Koltai, ottimo direttore della fotografia in molti altri film, ci mette del suo con sequenze ad alto tasso glicemico (terribile quella con la Redgrave che, come un fantasma, insegue una luce in camicia da notte) ed una regia poco pimpante. Occasione mancata quindi, e la conferma che al cinema uno più uno non sempre fa due.

Recensione di Andrea Chirichelli: https://www.mymovies.it/film/2007/unamoresenzatempo/

One reply to “Un amore senza tempo (Lajos Koltai, 2008)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close-alt close collapse comment ellipsis expand gallery heart lock menu next pinned previous reply search share star